Blog

STARTUP – #DigitalHybrid: vince Intact con DbGlove, guanto high-tech per sordociechi

Un contest ideato e promosso da SisalPay per trasformare idee imprenditoriali in realtà di successo. Un premio iniziale di 50mila euro e il supporto di realtà d’eccellenza come Google, Rtl 102.5 e il Gruppo Condè Nast che per sei mesi accompagneranno il percorso di crescita della start-up. E’ GoBeyond, il contest che ha premiato startup creative e innovative.

A vincere è il DbGlove di Nicholas Caporusso e Gianluca Lattanzi della startup pugliese Intact, selezionato tra 219 idee presentate dagli aspiranti imprenditori e premiati durante l’annuale workshop SisalPay che si è svolto a Roma, intitolato #DigitalHybrid. Si tratta di un innovativo guanto high-tech che consente a persone cieche e sordo-cieche di utilizzare smartphone e tablet rendendo digitali gli alfabeti Malossi e Braille basati sul tatto.

Infatti, il guanto è una tastiera e un display tattile, viene indossato sulla mano sinistra e, attraverso dei sensori che supportano sia l’alfabeto Malossi sia il Braill posizionati in corrispondenza delle falangi, diventa un’interfaccia capace di mandare e ricevere messaggi. DbGlove si connette via bluetooth a smartphone, tablet e pc e gli utenti digitando sui sensori possono scrivere testi che vengono visualizzati su display per interagire con persone vedenti. La ‘lettura’ avviene invece ricevendo piccoli impulsi localizzati nelle aree della mano corrispondenti all’alfabeto.

Come spiegano gli ideatori: “Sviluppiamo soluzioni hardware e software per migliorare le condizioni di vita delle persone in particolari situazioni di svantaggio. Le persone cieche e sordo-cieche comunicano quasi esclusivamente mediante il tatto. Il nostro dispositivo permette loro di essere indipendenti nella comunicazione nell’interazione con il mondo grazie a un guanto che riproduce un linguaggio già utilizzato dalle persone sordo-cieche”, spiega Nicholas Caporusso. “Il premio di GoBeyond ci permetterà di ultimare il nostro prototipo e di iniziare tutta quella attività di industrializzazione e di accesso al mercato”, dice da parte sua Gianluca Lattanzi.

Argomenti correlati:Disabilità visiva-Disabilità uditiva-Ausili e tecnologie

Press-In anno VII / n. 1343 IM – Impresa Miadel 12-06-2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Skip to content