Blog

Nasce un Centro diurno per ragazzi autistici

AIELLI. Il Centro diurno di Aielli per ragazzi affetti da disturbi autistici (Vita Onlus) è una realtà. La struttura è nata dalla sinergia tra il Comune e l’associazione Onlus, che si occupa proprio delle problematiche legate ai ragazzi affetti da autismo. Molti gli ospiti presenti alla cerimonia inaugurale tra questi: l’onorevole Filippo Piccone, che ha fatto gli onori di casa, il sindaco di Aielli, Enzo Di Natale, il direttore generale della Asl, Rinaldo Tordera, il consigliere regionale Maurizio Di Nicola, e numerosi sindaci tra i quali: il primo cittadino di Celano, Settimio Santilli, quello di Pescina, Stefano Iualianella, e di Lecce nei Marsi, Gianluca De Angelis. Il primo cittadino Di Natale ha evidenziato che «unire gli obiettivi di pubblico e privato rappresenta sempre un fatto positivo, così come è accaduto per la nascita del centro diurno Vita Onlus. «Quando appena insediati ci è stato proposto il progetto del centro io e la mia amministrazione ci siamo subito convinti dell’importanza che questo avrebbe avuto ed ha per moltissime famiglie», ha spiegato Di Natale, «ne abbiamo subito sposato la causa e grazie all’impegno della presidente dell’associazione Ivenza Baruffa e di tutti coloro che vi ruotano intorno oggi siamo qui ad inaugurare la struttura». Per la cronaca l’avvio del progetto è stato curato dalla precedente amministrazione guidata da Benedetto Di Censo. Di Natale ha evidenziato come l’inaugurazione del centro non debba essere visto come un punto di arrivo, ma di partenza, e ha invitato la Asl e la Regione a comprenderne le reali potenzialità. Appello subito raccolto da Di Nicola, il quale si è detto pronto a fare la sua parte come esponente della Regione, così come il direttore generale Tordera e la direttrice sanitaria Colizza i quali hanno evidenziato come si potrà lavorare affinché il centro possa in un prossimo futuro avere un sostegno concreto da parte del servizio pubblico sanitario. Soddisfatto infine l’onorevole Filippo Piccone, il quale, dopo aver ringraziato il sindaco attuale e quello precedente per i ruoli avuti nella vicenda ha lanciato un appello agli enti preposti, Asl e Regione, per far sì che si costruisca un modello che duri nel tempo e allevi, anche se in parte, i problemi delle famiglie marsicane che hanno in casa persone autistiche.

di Dante Cardamone

Il Centro del 28-02-2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Skip to content