La cure delle persone con autismo

Il Disturbo di spettro autistico ha ricevuto nell’ultimo decennio grande attenzione in tutto il mondo, in ambito medico e di ridefinizione categoriale, dal punto di vista scientifico e di ricerca, riabilitativo, educativo, sociale e, non ultimo, bioetico (doc. Comitato Nazionale di Bioetica 1 agosto 2013).

La complessità del disturbo è evidenziata anche da una doppia tendenza, alla quale attualmente si assiste, che da una parte tende a sottolineare la grande variabilità delle sindromi contenute all’interno dello spettro autistico, tanto che si è cominciato a parlare di “autismi”, e dall’altra (DSM 5) tende invece a riunire tutte queste varie sindromi sotto un’unica definizione, cioè quella di Disturbo di Spettro Autistico.

La presa in carico e la cura delle persone con autismo richiede comunque una differenziazione di trattamento a seconda della gravità del Disturbo Autistico, della presenza e della gravità eventuale del Ritardo Mentale e/o del Disturbo Linguistico che lo accompagnano nonché della presenza di altre patologie.

Un altro elemento di complessità sembra essere rappresentato dallo spazio peculiare in cui si pone il Disturbo, all’intersezione tra la salute mentale e la disabilità, che spesso rende complessa la sua presa in carico nell’età adulta, dove, almeno nel nostro paese, le figure che si occupano di salute mentale e di disabilità non sono coincidenti e dove è poco frequente una continuità di presa in carico tra età evolutiva ed età adulta.

La Regione Marche ha attivato dal 2002 (DGR n. 1891 del 29.10.2002) un progetto integrato di tipo socio-sanitario, che prevede una serie di servizi a favore della persona con disturbo autistico e della sua famiglia lungo tutto l’arco della vita.

In data 9 ottobre 2014 è la prima regione in Italia ad approvare una legge organica sull’autismo (L.R. 25/2014). La legge “ha la finalità principale di promuovere condizioni di benessere e di inclusione sociale delle persone con disturbi dello spettro autistico. In particolare, attraverso una rete integrata di servizi, garantisce percorsi diagnostici, terapeutici, riabilitativi e assistenziali per la presa in carico di minori e adulti con disturbi dello spettro autistico. Inoltre, persegue l’integrazione sociale, scolastica e lavorativa di tali soggetti, riconoscendo il ruolo determinante della famiglia quale parte attiva nella elaborazione e attuazione del progetto globale di vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Skip to content