Che cos’è la CAA?

La CAA (Comunicazione Aumentativa e Alternativa) è uno strumento per intervenire sulle persone che hanno problemi di comunicazione e quindi anche di relazione. E’ una modalità che supporta la persona in ogni ambito di vita.
Va bene per chi non riesce a comunicare attraverso i canali classici (verbali o orali) servendosi di alcuni strumento specifici come ad es. tabelle di comunicazione, libri  personalizzati chiamati anche “su misura”, strumenti su cui viene registrata la voce quali i VOCA’s; tutti questi dispositivi vanno bene per ogni tipo di disabilità.
Tra i più utilizzati è il sistema di scrittura in simboli o immagini in cui tutte le figure usate hanno scritto sopra la parola o il verbo che rappresentano, in modo da renderle comprensibili anche al partner comunicativo (adulto non solo di ambito socio-sanitario ma educativo, culturale, a casa, ecc.)
Inoltre la CAA è utile anche per facilitare i testi degli studenti stranieri e cmq per favorire l’inclusione e l’autonomia di chi non riesce, in parte o del tutto, a esprimersi.
L’obiettivo è quello che nell’ordinarietà si possano utilizzare canali di comunicazione alternativi a quello verbale.

Per la realizzazione dei materiali si possono utilizzare a fianco di sistemi di comunicazioni (range di simboli) a pagamento come il WLS e il PCS anche sistemi free, scaricabili da internet, ben “collaudati” all’interno delle comunità educanti quali l’ARASAAC e il BLISS (quest’ultimo utilizzato a macchia di leopardo nel Paese).

Per approfondimenti:
CSCA (Centro sovrazonale di comunicazione aumentativa)
ISAAC (Società internazionale per la comunicazione aumentativa alternativa – Sezione italiana)

01
INBOOK

INBOOK

Gli inbook sono libri illustrati tradotti in simboli attraverso il sistema di comunicazione WLS (Widgt Literacy System) che traslitterano e traducono fedelmente testi già editati nella letteratura per ragazzi (alcuni presenti nelle bibliografie di libri NpL) ma anche per età adolescenziale e giovani-adulti. Ogni riquadro contiene al suo interno, in basso, il simbolo e, in alto, la parola alfabetica. I bambini con difficoltà di comunicazione e relazione leggeranno attraverso l’immagine, mentre gli altri leggeranno il testo alfabetico. Non è un mero ausilio comunicativo ma uno strumento per l’inclusione di tutti i bambini secondo un sistema di carattere modale e quindi da avere con sé nei diversi contesti di vita (scuole materne, biblioteche e molti altri spazi) diventando quindi patrimonio di tutti. All’interno delle biblioteche marchigiane si trovano nella sezione LeggereTutti. Tali libri rappresentano un “ponte” verso la lettura alfabetica e sono utili, come dimostrato da studi sulla neurofisiologia della lettura attiva, per l’apprendimento di competenze importanti. Sono strumenti di lettura e d’inclusione culturale e sociale per ragazzi, adolescenti, adulti ed anche anziani. In Biblioteca Speciale si possono trovare, all’interno di questa categoria: i libri autoprodotti dalla Fondazione stessa; i libri autoprodotti dalle altre sette realtà bibliotecarie presenti sul territorio nazionale che traducono gli inbook e che sono in relazione di interscambio con la Biblioteca Speciale, al fine di aumentare la condivisione sul Paese di un maggior numero di testi da poter rendere fruibili agli utenti.

INBOOK: 4 modelli

Possiamo suddividere gli inbook in 4 modelli in base alle caratteristiche morfo-sintattiche del testo:

  • Modello molto semplice
  • Modello semplice
  • Modello elaborato
  • Modello molto elaborato
DOVE SIAMO
Biblioteca Speciale e Centro di Documentazione

Hai un progetto? Scrivici…

    Skip to content