Che cos’è la CAA?

La CAA – Comunicazione Aumentativa e Alternativa sta ad indicare l’inserimento di nuovi canali comunicativi che si vanno ad aggiungere e a sostituire a canali “pregressi”. 
La CAA è costituita da tutte quelle modalità che una persona con disabilità comunicativa usa a livello intenzionale e non intenzionale per mettersi in contatto con chi lo circonda, fanno parte del proprio personale sistema di comunicazione (vocalizzazioni o linguaggio verbale, gesti, segni e comunicazione con ausili e tecnologia avanzata). 
In quanto tali vanno valutate e considerate ancor prima di consigliare ausili “poveri” (bidimensionali o tridimensionali es. tabelle di diversa tipologia, includendo anche le “strisce” di attività, libri in simboli personalizzati o essere anche low-tech) o tecnologici.

La CAA deve essere insegnata in modo interattivo e concreto; richiede necessariamente che qualsiasi abilità specifica, come imparare i simboli grafici, apprendere una tecnica di selezione dei simboli della tabella e imparare a utilizzare eventualmente un VOCA, venga “appresa” in situazioni comunicative naturali e realistiche (nella quotidianità) e venga tradotta in comportamenti funzionali grazie ai partners comunicativi (genitori, educatori, professionisti di diversa area, amici, conoscenti, persone pagate e partner occasionali).

Non ci sono prerequisiti per l’intervento CAA se non uno. L’unico vero prerequisito necessario per comunicare è respirare e partecipare.

Tuttavia fondamentale per declinare interventi in CAA è tenere conto della condizione di partenza dell’individuo. In particolare la CAA si rivolge a tutti coloro che hanno una disabilità “temporanea” e per quella permanente: soggetti con disabilità cognitiva, BES (bisogni comunicativi complessi); persone che sviluppano disabilità in età adulta, a seguito di traumi, ictus, Alzheimer, sclerosi, ecc; persone in temporanea situazione di disabilità o impossibilitate ad utilizzare i tradizionali canali di comunicazione. Ma anche bambini e ragazzi figli di migranti e bambini e ragazzi di famiglie in condizioni socio-economiche di disagio, che spesso non hanno a disposizione altro libro se non quello scolastico.

01
INBOOK

INBOOK

Gli inbook sono libri illustrati tradotti in simboli attraverso il sistema di comunicazione WLS (Widgt Literacy System) che traslitterano e traducono fedelmente testi già editati nella letteratura per ragazzi (alcuni presenti nelle bibliografie di libri NpL) ma anche per età adolescenziale e giovani-adulti. Ogni riquadro contiene al suo interno, in basso, il simbolo e, in alto, la parola alfabetica. I bambini con difficoltà di comunicazione e relazione leggeranno attraverso l’immagine, mentre gli altri leggeranno il testo alfabetico. Non è un mero ausilio comunicativo ma uno strumento per l’inclusione di tutti i bambini secondo un sistema di carattere modale e quindi da avere con sé nei diversi contesti di vita (scuole materne, biblioteche e molti altri spazi) diventando quindi patrimonio di tutti. All’interno delle biblioteche marchigiane si trovano nella sezione LeggereTutti. Tali libri rappresentano un “ponte” verso la lettura alfabetica e sono utili, come dimostrato da studi sulla neurofisiologia della lettura attiva, per l’apprendimento di competenze importanti. Sono strumenti di lettura e d’inclusione culturale e sociale per ragazzi, adolescenti, adulti ed anche anziani. In Biblioteca Speciale si possono trovare, all’interno di questa categoria: i libri autoprodotti dalla Fondazione stessa; i libri autoprodotti dalle altre sette realtà bibliotecarie presenti sul territorio nazionale che traducono gli inbook e che sono in relazione di interscambio con la Biblioteca Speciale, al fine di aumentare la condivisione sul Paese di un maggior numero di testi da poter rendere fruibili agli utenti.

INBOOK: 4 modelli

Possiamo suddividere gli inbook in 4 modelli in base alle caratteristiche morfo-sintattiche del testo:

  • Modello molto semplice
  • Modello semplice
  • Modello elaborato
  • Modello molto elaborato
DOVE SIAMO
Biblioteca Speciale e Centro di Documentazione

Hai un progetto? Scrivici…

    Skip to content