Blog

Autismo e logopedia: a breve fondi. “Ma serve continuita’ “

MILANO. Attese critiche per alcune prestazioni terapeutiche, necessità di aumentare gli operatori sul territorio: sono i due principali nodi della Neuropsichiatria infantile in Lombardia: evidenziati dalla stessa Regione nelle Regole di sistema per il 2016 che, confermando azioni e interventi già previsti nell’aprile del 2015, aggiunge «la possibilità di contrattualizzazione di nuovi posti», ma rileva che «una percentuale significativa delle richieste di prima visita relative ai poli territoriali ha tempi d’attesa critici». In particolare per la logopedia. Per questo si prevede uno stanziamento massimo di 4 milioni di euro ( per la Bergamasca sarebbe il 10% del totale ndr), con la priorità data alle « attività riabilitative di tipo logopedico» e « una particolare attenzione alla cura dei pazienti affetti da sindrome dello spettro autistico». La delibera per i fondi dovrebbe arrivare entro giugno. «Vanno utilizzati entro dicembre: e le nuove assunzioni, oltre a essere precarie, non risolvono il problema cronico delle attese ­ evidenzia Orazio Amboni, Welfare Cgil Bergamo ­ . Restano chiusi i turnover e le assunzioni nuove sono fatte con contratti a progetto. Invece questi pazienti hanno bisogno di continuità e soprattutto non possono iniziare un percorso di terapie e vederlo interrotto all’improvviso perché il personale ha il contratto in scadenza, o fugge altrove».

L’Eco di Bergamo del 13­06­2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Skip to content