ALLENIAMOCI… A FARE LA COSA GIUSTA. Come diventare cittadini

Laboratori per bambini, ragazzi e young adults!
L’iscrizione è obbligatoria e deve pervenire entro due giorni prima della data dell’evento.

Per partecipare è necessaria la prenotazione, inviando una mail a bibliotecaspeciale@fondazionearca.org o chiamando lo 071.7931107.

ALLENIAMOCI… A FARE LA COSA GIUSTA
Come diventare cittadini

GIUGNO
Venerdì 3
A spasso nella natura
Età: 6-9 anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0 e app: video lettura Pedala con me, Da soli in città senza mamma e papà; Bici. Il videogioco della mobilità ciclabile]

Venerdì 10
Parole di pace
Età: 3-5 anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0 e gioco: La guerra delle campane; Un mondo di pace: taglia, incolla e colora]

Venerdì 17
AllenaMente: sfide mentali per tutti!
Età: 10-12 anni
Orario: 17:30-18:30
[Giochi: torneo di giochi da tavolo: dama, scacchi, backgammon]

Venerdì 24
A spasso nella natura
Età: 3-5 anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0 e gioco: video lettura Il piccolo giardiniere, Nel mio giardino il mondo; La mia prima scatola del giardino – Montessori]

LUGLIO
Venerdì 1
Parole di pace
Età: 6-9 anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0, gioco e app: La guerra di Nina in CAA, La città che sussurrò; Tombola e Memory in CAA, anche in digitale]

Venerdì 8
AllenaMente: sfide mentali per tutti!
Età: 13- anni
Orario:17:30-18:30
[Libro 2.0 e gioco: Natura Quiz; Rompicapo e Gioco di parole]

Venerdì 15
A spasso nella natura
Età: 10-12 anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0, gioco e app: La natura; La lente magica a tre colori; Come funziona?]

Venerdì 22
Parole di pace
Età: 13- anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0, gioco e app: ABC dei popoli, Eh? Espressioni tipiche regione per regione; Puzzle Italia e Europa; Ricerca delle “curiosità” di alcuni popoli]

Venerdì 29
AllenaMente: sfide mentali per tutti!
Età: 3-5 anni
Orario: 17:30-18:30
[Libro 2.0, gioco e app: Filastrocche e Storielle; Prima e dopo; Infant Zoo]

Scarica la brochure

Progetto Regione Marche – Servizio Cultura: Leggere per Tutti

La Fondazione Arca in sinergia con il Progetto Regione Marche – Servizio Cultura – Azione strategica regionale Progetti Speciali (Anno 2022) anticipa il progetto “Leggere per Tutti”: contenuti digitali per una biblioteca digitale smart, non solo dedicata agli apprendimenti, ma anche all’uso del “tempo libero”.
Risorse digitali free da caricare e consultare tramite piattaforme tra di loro interoperabili non solo di area culturale, ma anche educativa es: OER – Open Educational Resources (es: MiC, MIUR e siti autorevoli di entità non pubblica).

Progetto Regione Marche – Servizio Cultura – Azione strategica regionale Progetti Speciali per azioni di sostegno alla lettura e apprendimento rivolto a bambini, ragazzi e adolescenti con bisogni educativi speciali.

La biblioteca per tutti, nessuno ai margini: come essere trasparenti ed efficaci nei servizi e nelle attività, quindi come comunicare la biblioteca all’esterno

Il corso ha l’obiettivo di creare un’osmosi continua tra il territorio, altre biblioteche e non solo, e bypassare il concetto del “quality of life” e quindi essere friendly al di là della tipologia giuridica.

Docente:
Francesca Pongetti, Bibliotecaria presso la Biblioteca del Consiglio Regionale delle Marche e Presidente della Fondazione A.R.C.A. – Onlus

Calendario:

1° modulo: Lunedì 4 luglio, 17:00-19:00
2° modulo: Giovedì 7 luglio, 17:00-19:00

ISCRIZIONI APERTE
ISCRIZIONE CON CONTRIBUTO
Le iscrizioni si chiudono 72 h prima dell’inizio del webinar.

Sede dei corsi: Il corso si terrà in modalità e-learning sulla piattaforma moodle della Fondazione e in presenza

Per iscriversi clicca: QUI

Per maggiori informazioni: formazione@fondazionearca.org

*I webinar saranno erogati con modalità di servizio, grazie ai professionisti che collaborano con la Fondazione.
Il programma potrebbe subire variazioni in base alla disponibilità degli stessi.

Narrativa sulla disabilità: pillole operative in ogni luogo, lontano dagli stereotipi e dai pregiudizi

Esiste un motto ben presente all’interno della comunità delle persone con disabilità: “Nothing about us without us”.
Tuttavia spesso tra i professionisti dell’educazione, del sociale, della salute, i media non adottano temi di linguaggio inclusivi e di lotta alle dicerie non risolute, in questo modo dunque non contribuiscono alla diffusione di una cultura inclusiva, ma al contrario di pietismo, filantropismo, ecc.

Docenti:
Massimo Verdecchia, Psicologo e Psicoterapeuta
Francesca Pongetti, Bibliotecaria e Diplomata presso la Scuola di CAA del Centro Benedetta D’Intino (Milano), Referente AIB – CNBP. Consulente per i servizi dedicati alle disabilità intellettive e relazionali, Università di Macerata, Didattica e Pedagogia speciale, classe M-PED/03, Tutor con accordo scientifico

Calendario:

1° modulo: Mercoledì 6 luglio, 15:00-17:00 
2° modulo: Lunedì 11 luglio, 16:00-18:00

ISCRIZIONI APERTE
ISCRIZIONE CON CONTRIBUTO
Le iscrizioni si chiudono 72 h prima dell’inizio del webinar.

Sede dei corsi: Il corso si terrà in modalità e-learning sulla piattaforma moodle della Fondazione e in presenza

Per iscriversi clicca: QUI

Per maggiori informazioni: formazione@fondazionearca.org

*I webinar saranno erogati con modalità di servizio, grazie ai professionisti che collaborano con la Fondazione.
Il programma potrebbe subire variazioni in base alla disponibilità degli stessi.

Bando Nazionale del Centro per il libro e la lettura: “Leggimi 0-6”

Building Readers 0-6
Conoscere, acquisire, diffondere

Anno 2021

Progetto di ATGTP – Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, con il contributo del CEPELL e del MiC – Bando Leggimi 0-6 per la promozione della lettura nella prima infanzia
Progetto realizzato con il finanziamento del Centro per il libro e la lettura
Con la partecipazione di AIB Marche, della Biblioteca La Fornace, di Fondazione A.R.C.A. – Onlus, del Gruppo Solidarietà, di Kindustria (Hacca Edizioni) e dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” di Moie di Maiolati Spontini

Progetto di promozione alla lettura condivisa per l’empowerment della comunità e il rafforzamento delle competenze della classe educante, verso la creazione di adulti attivi, promotori culturali tramite l’utilizzo del mezzo “libro”.

ADHD: gestione quotidiana

Il corso propone un duplice obiettivo: supporto educativo e didattico nell’ ambiente scolastico, strategie, metodologie nei compiti a casa e supporto per le famiglie con un bambino ADHD.

Programma del corso:

  • Che cos’ è l’ ADHD?
  • Funzioni esecutive
  • Potenziamento funzioni
  • Giornata in classe
  • Programmazione nella gestione in classe
  • Comportamenti problema
  • Rinforzi
  • Le sei fasi di lavoro nei compiti a casa
  • Supporto alla famiglia
  • Tempo/Spazio/Attività/Revisione/ Trasferibilità
  • Strumenti per l’ apprendimento

Sede dei corsi: Il corso si terrà in modalità e-learning sulla piattaforma moodle della Fondazione.

Docente:
Elisa Alessandroni, Educatrice scolastica, Tutor ADHD, Esperta in neuropsicologia dell’età evolutiva e Game Trainer

ON DEMAND (registrato) – Accesso sempre disponibile (24/24) e con durata illimitata

Per maggiori informazioni: formazione@fondazionearca.org

Corso per Tecnici del Comportamento Certificati – R.B.T. (Registered Behavior Technician™)

L’RBT o Tecnico del Comportamento Certificato è un tecnico specializzato, responsabile diretto dell’attuazione delle procedure di acquisizione delle competenze e modificazione del comportamento, progettate dal supervisore BCBA  o BCaBA da attivarsi in tutti i servizi dedicati all’autismo, ai disturbi dello spettro autistico e patologie simili.

Obiettivi:
Il Corso si propone di far acquisire competenze pratiche nel settore dell’Analisi del Comportamento formando Tecnici del Comportamento qualificati in grado di applicare, con metodologie corrette, training pratico per l’acquisizione delle principali procedure educative/riabilitative; interventi basati sull’Analisi Comportamentale Applicata (ABA) attraverso la supervisione di un BCBA, nell’ambito di tutti i servizi dedicati all’autismo, ai disturbi dello spettro autistico e patologie simili.

Il corso sarà tenuto da IRFID – ISTITUTO PER LA RICERCA, LA FORMAZIONE E L’INFORMAZIONE SULLE DISABILITÀ.
Il corso ha la certificazione Behavior Analyst Certification Board Inc.®, riconosciuta a livello internazionale dall’organizzazione americana BACB®. L’IRFID di Napoli è stato uno dei primi istituti ad ottenere questa certificazione, che viene richiesta anche in Italia tra i requisiti per i bandi pubblici.
Questo Istituto lavora in stretto contatto con l’ISS – Istituto Superiore di Sanità.

Attualmente le Scuole di Alta Formazione e Università che forniscono un’adeguata conoscenza sulla presa in carico delle persone con spettro in Italia, e che sono sedi di Master A.B.A., sono le seguenti: IESCUM, Amico-DI, Università Pontificia Salesiana, Istituto Walden, IRFID, Consorzio Universitario Humanitas, Università di Parma e di Enna Kore. Secondo i dettami dell’Istituto Sanitario di Sanità, le certificazioni ad oggi rilevanti dai suddetti Istituti ed Enti di ricerca hanno validatezza ulteriore per accedere nell’organico ordinario e di fatto nelle distinte graduatorie del sostegno, nonché poter lavorare con le cooperative.

La frequenza al Corso da parte degli iscritti è obbligatoria

Il programma formativo comprende tutti gli argomenti indicati dalla RBT™ Task List (2nd ed.):
1) Misurazione del comportamento
2) Valutazione (Assessment)
3) Procedure per l’acquisizione delle abilità funzionali
4) Procedure per la riduzione dei comportamenti problema
5) Documentazione e resoconti
6) Condotta professionale ed etica

(This training program is based on the Registered Behavior Technician Task List
(2nd ed.) and is designed to meet the 40-hour training requirement for the RBT certification. The program is offered independent of the BACB®).

Il corso è rivolto a Genitori, Operatori, Insegnanti, Caregiver, Psicologi, Logopedisti ed Educatori.
Requisiti minimi per l’accesso: 18 anni di età e diploma di scuola superiore.

Durata del corso: 40 ore di training teorico-pratico e attestato finale di partecipazione

Sede dei corsi: Il corso si terrà in modalità e-learning sulla piattaforma predisposta da IRFID.

Docenti:
IRFID – ISTITUTO PER LA RICERCA, LA FORMAZIONE E L’INFORMAZIONE SULLE DISABILITÀ

DISPONIBILE ON DEMAND

Per maggiori informazioni: formazione@fondazionearca.org

FAR AVVICINARE I BAMBINI ALLA POESIA (ANCHE COUNT): UN IMPERATIVO DOVEROSO NON SOLO A SCUOLA

ID Corso: 

Ambiti:
Ambiti trasversali: didattica e metodologie; metodologie e attività laboratoriali
Ambiti specifici: bisogni individuali e sociali dello studente; inclusione scolastica e sociale; gestione della classe e problematiche relazionali

La poesia è il forziere delle gemme nella cultura umana e civile di un paese. Se la scuola deve formare l’uomo e il cittadino non può rinunciare ad attingere a quel forziere (Bruno Tognolini). Il linguaggio dei bambini è molto vicino a quello della poesia, ritmi e sonorità fanno parte del loro modo di comunicare quotidiano così come la musicalità è parte costitutiva essenziale del linguaggio poetico. Le poesie sono magia di senso e di suono, i bambini hanno una naturale tendenza a giocare con le parole e i lavori di Rodari ce lo sottolineano. Non è solo l’aspetto ludico che avvicina i bambini al linguaggio poetico, ma sono in sintonia con i poeti perché sentono come loro il bisogno di rivalutare la lingua, di restituire alla parola la pienezza della sua valenza comunicativa. La poesia è anche medium importantissimo e insostituibile per lo sviluppo della creatività potenziandone il pensiero fantastico e creativo.

L’obiettivo del corso è di far conoscere la storia della poesia in Italia, la sua evoluzione nel tempo fino a giungere alla contemporaneità dei nostri giorni.

Programma del corso:

  • Modulo 1:
    La poesia ricalcando i grandi maestri degli anni ‘70, quali Zanzotto, Rodari, Porta, Raboni, è ben lontana da quella ottocentesca didascalica, ma a fianco dell’aspetto ludico-linguistico connotato nel trinomio fantasia-gioco-impegno troviamo una lettura del quotidiano. Si apre il nuovo canone alle antologie poetiche per ragazzi che si impiantano su un uso extrascolastico. La poesia di Rodari stimola e sviluppa il testo gioco e la poesia visiva sperimentale e provocatoria (Il codice Rodari, Einaudi, 2020)

Laboratori e workshop di poesia partendo da diversi testi poetici che hanno ripercorso le quattro tappe cronologiche: anni ‘70 con Zanzotto, Rodari, Porta, Orengo, Scialoja, Cambi, che danno vita ad una tipologia di poesia a prescindere dal destinatario del suo messaggio; anni ‘80 con Fortini, Raboni che ritengono la poesia per bambini essere un genere della poesia adulta, quindi si riconosce ad essa “il piacere del testo” sia esso “alto-basso”; anni ‘90 con la presenza di Roberto Piumini, la cui poesia ha una raffinatezza e qualità invidiabili; contemporanei con la ricerca sonora di Quarzo e Tognolini.

  • Modulo 2:
    • 1° incontro:
      • Educare alla sensibilità;
      • Da dove viene e cos’è la poesia?;
      • A che cosa serve oggi la poesia?;
      • Imparare a vedere con occhi nuovi;
      • La parola incanala le emozioni;
      • Ma che cosa sono le emozioni?
    • 2° incontro:
      • La poesia come comunicazione soprafattuale;
      • La poesia come “lingua che richiama l’attenzione su di sé”;
      • Avere una visione duttile della lingua come capacità di farsi strumento di una conoscenza più libera e articolata della realtà;
      • La metafora, la rima, il ritmo
    • 3° incontro;
      • La poesia fa spettacolo: parola-suono-immagine;
      • Poesia e giocattoli: giocattoli di parole e giocattoli di legno;
      • Affinare sensibilità e percezione attraverso un laboratorio di poesia che parta dal corpo
    • 4° incontro:
      • Dall’esperienza corporea al gioco linguistico: la poesia come giocattolo di parole da rompere, smontare e rimontare, ma anche giocattolo per sognare e diventare grandi;
      • Verso la lettura di poesie d’autore spingendo l’indagine su vari livelli:
        • livello morfo-sintattico
        • livello retorico-stilistico
    • 5° incontro:
      • livello fonologico;
      • livello metrico-ritmico;
      • livello prosodico-visuale

Destinatari: insegnanti di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado, educatori, personale ATA
Docenti: Marco Moschini e Francesca Pongetti
Tipologia di verifica finale: questionario a risposte aperte

Calendario: 
Anno Scolastico 2022/2023
Ore complessive: 20
Ore minime di frequenza: 16

Costo: € 250,00

ISCRIZIONI DA SETTEMBRE 2022

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

Per chi non potesse usufruire della Carta del Docente, può richiedere informazioni e iscriversi inviando una mail a formazione@fondazionearca.org

GIOCO ESCLUDENDO “NESSUNO”: GAME TRAINER PER LE DIVERSE DISABILITÀ; GBG PER I BES E GIOCHI PER GLI ASD

ID Corso: 

Ambiti:
Ambiti trasversali: didattica e metodologie; metodologie e attività laboratoriali
Ambiti specifici: bisogni individuali e sociali dello studente; inclusione scolastica e sociale; gestione della classe e problematiche relazionali

Aumentare le competenze nelle diverse modalità di giochi (gioco per le diverse funzioni esecutive; gioco e sviluppo cognitivo; gioco simbolico; gioco di costruzione; gioco di ruolo e di regole).
Implementare le modalità operative attinenti a potenziali strategie utili per ogni ragazzo all’interno di un percorso individuale e sociale, tenuto conto delle specifiche abilità.

Programma del corso:

  • Modulo 1:

Conoscenza e comprensione di una nuova figura educativa: il Game Trainer.
Una figura che affiancherà bambini e ragazzi con difficoltà nello sviluppo delle funzioni esecutive che sono: inibizione della risposta, autoregolazione emotiva, attenzione focalizzata, memoria di lavoro e pianificazione. Si possono osservare per potenziarle e rafforzarle dove sono carenti con un programma di game training.

    • Che cosa sono le funzioni esecutive;
    • Osservazione tramite il gioco;
    • Il gioco in presenza di bambini o ragazzi ADHD;
    • Tipologie di gioco divise per funzioni esecutive;
    • Osservazione e valutazione dopo il programma game training;
    • Esempi pratici, casestudy e workshop: attraverso l’uso dei giochi Cosa sono?, Carcassonne e Taboo
  • Modulo 2:
    • Le funzioni del gioco nel contesto evolutivo;
    • Le diverse tappe del gioco infantile;
    • Gioco e sviluppo cognitivo del bambino;
    • Gioco e disabilità;
    • Un quadro generale su:
      • DSA
      • ADHD
      • ASD – Disturbo dello Spettro Autistico
  • Modulo 3:

La valenza del gioco in tre differenti declinazioni: metodologia GBG (Good Behaviour Game); sviluppare pratiche positive (nelle funzioni esecutive) del gioco di società “peer to peer” e giochi da tavolo per lenire i comportamenti problema negli ASD in particolare. Gestire i comportamenti problema attraverso il gioco si ha necessità sin dall’inizio di un’attenta osservazione da parte dell’adulto prima di costruirsi la propria “cassetta degli attrezzi” nell’identificare i rinforzi da avere poi nei momenti “antecedenti”.
Importante è descrivere il comportamento allenando il proprio sguardo e poi lodare e gratificare, perché solo gratificando si innesca quel percorso virtuoso di relazione positiva che sicuramente sarà favorevole ad un apprendimento migliore che comunque dovrà essere raggiungibile, essere in grado di metterlo in atto.
Il good behaviour game ha dunque le caratteristiche basilari: osservazione – proposta e rimodulazione secondo il basilare motto: ludens docere.

Destinatari: insegnanti di scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di I e di II grado, educatori, personale ATA
Docente: Elisa Alessandroni, Francesca Pongetti e Sabrina Tobia
Tipologia di verifica finale: questionario a risposte aperte

Calendario: 
Anno Scolastico 2022/2023
Ore complessive: 20
Ore minime di frequenza: 16

Costo: € 200,00

ISCRIZIONI DA SETTEMBRE 2022

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

Per chi non potesse usufruire della Carta del Docente, può richiedere informazioni e iscriversi inviando una mail a formazione@fondazionearca.org

EDUCAZIONE ALL’IMMAGINE “PER TUTTI” ANCHE CON L’ESPERIENZA DI EDITIONS DU DROMADAIRE

ID Corso: 

Ambiti:
Ambiti trasversali: didattica e metodologie; metodologie e attività laboratoriali
Ambiti specifici: bisogni individuali e sociali dello studente; inclusione scolastica e sociale; gestione della classe e problematiche relazionali

Si partirà dalla specificità dell’esperienza editoriale delle Editions du Dromadaire per illustrare un processo creativo del fare libri che si basa sulla formazione artistica degli autori e la loro esperienza nell’ambito del libro d’artista, sul particolare dialogo tra testo e immagini durante la fase di realizzazione del libro, sulla netta scelta di dare peso all’elemento artigianale del libro, sul valore di un’efficace semplicità manuale legata ai processi creativi artistici, infine sull’indipendenza dell’immagine su quello che non dice del testo (immagini astratte) e sull’unicità del testo e quello che non permette all’immagine (il suono).

Programma del corso:

  • Modulo 1:

Attraverso l’esempio delle produzioni editoriali delle Editions du Dromadaire, il progetto propone ai docenti una prima e semplice esperienza nel mondo della carta allo scopo di successivamente proporre ai bambini di fabbricare piccoli libri dove costruire una propria visione del mondo libresco. Così gli incontri avranno una prima parte teorica e una seconda dove si scoprirà piccoli semplici gesti per avvicinarsi al mondo delle pagine e dei loro segreti.

    1. Dal libro d’artista al libro per l’infanzia. Presentazione e illustrazione di un specifico modo di fare libri: come nasce un libro o strane storie del quotidiano e di come ne può nascere un libro. Esempi di libri: L’universo, L’albero felice, Una storia d’amore.
    2. Il valore artigianale del libro come scelta primordiale: forme del libro, tecniche delle immagini, carte, interventi manuali. Esempi di libri: Io credo, Nino trenino, Colore terra.
    3. La creatività e l’immaginazione di chi crea il libro come stimolo per lo sviluppo della fantasia del fruitore del libro. Esempi di libri: I piedi sulla terra, Nuvolare, La ragazza nel cuore di un ragazzo.
    4. Dialogo testo e immagini. Come sono legati; chi nasce prima; perché il testo e quale testo; il ruolo dell’immagine. Esempi di libri: Siamo in tanti… Sei tu? ; Una storia d’amore; Il canto delle lettere.
    5. Libertà artistica vincolata alla produzione nell’ambito editoriale. Esempio di libri liberi come i libri d’artista dove l’unico vincolo è quello della nostra immaginazione. Sapersi muovere nel possibile e nel realizzabile. Esempi di libri fatti a mano: Piccole foglie che del mare non sanno niente; Fioconeta e Fioco di Neve in viaggio per la via lattea; Non ricordo.
  • Modulo 2:

La lettura dal punto di vista dei pedagogisti è azione mentale e linguistica. La lettura non solo per la disciplina della pedagogia ma anche quella della letteratura dell’infanzia è azione mentale e linguistica, prima che percettiva o grafica, pertanto è regolata da una elevata connessione interemisferica. Talvolta il leggere, in alcuni lettori, può riscontrarsi difficile dando vita a rallentamenti o addirittura,nei casi di dislessia, la lettura diventa poco fluente. Più studiosi suggeriscono modalità per implementare le abilità motorie attraverso la fruizione abituale delle immagini tene tenendo conto anche dei continui bombardamenti mediatici opo erati soprattutto dai social network.
L’utilizzo delle immagini e la loro lettura, negli ultimi anni, diviene sempre più preponderante in ambito scolastico. In particolare modo queste vengono predilette dai docenti che si ritrovano a lavorare con ragazzi presentanti difficoltà di apprendimento o qualche particolare forma di disabilità.
Secondo Marco Dallari la lettura degli albi illustrati diventa facilitante per l’interazione di cinque codici (iconico, verbale, grafico, della confezione, del mediatore).
Anche secondo Pellai la lettura diventa un momento importante per instaurare rapporti emotivi ed empatici con l’adulto (il genitore, l’insegnante) ma anche con i pari.
Dopo quindi una parte teorica di brain storming si passerà ad analizzare alcuni albi illustrati.

  • Modulo 3:

Le immagini nell’età evolutiva sono il medium per eccellenza, in particolare quando ci troviamo davanti ad una disabilità. Da studio recente di Ateneo straniero si è scoperto che gli ASD presentano una concentrazione di risorse cerebrali maggiore nelle zone associate alla rilevazione e identificazione visiva; diversamente ben più circoscritta è quella riferita alle aree responsabili della pianificazione e del controllo dei pensieri e azioni.
Gli ASD hanno un rilevamento visivo maggiore, dotati di una memoria visiva eccezionale ed altrettanto eccezionali in prestazioni di disegno.
Si parte quindi con la visione di immagini in libri illustrati quali silent book, kamishibai e quiet book, e laboratori.

Destinatari: insegnanti di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado, educatori, personale ATA
Docente: Florence Faval, Raffaella Maggi e Francesca Pongetti
Tipologia di verifica finale: questionario a risposte aperte

Calendario: 
Anno Scolastico 2022/2023
Ore complessive: 20
Ore minime di frequenza: 16

Costo: € 250,00

ISCRIZIONI DA SETTEMBRE 2022

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

Per chi non potesse usufruire della Carta del Docente, può richiedere informazioni e iscriversi inviando una mail a formazione@fondazionearca.org

Skip to content