Educazione all’Arte – Ludens nei diversi alfabeti (Hervé Tullet, Munari e Lionni)

Ambiti:
Ambiti trasversali:
Didattica e metodologie e Metodologie e attività laboratoriali
Ambiti specifici: Inclusione scolastica e sociale

L’obiettivo del corso è quello di rivalutare l’alfabeto del disegno (anche lo scaraboccchio) come ad es. nei testi: Colori, Un gioco e Un’idea in cui lo stesso alfabeto è la struttura importante del dialogo: lo strappare la carta, usare colori puri, pochi gesti eseguire il tutto fa parte di un linguaggio visivo in progressione in divenire per raggiungere il magnifico. Realizzare l’opera in costruzione che è l’opera d’arte in divenire, in itinere, il “mettere e togliere”, questa è però la sua bellezza che diversamente sarebbe satura. Lo stesso accade nelle opere di Munari nelle Macchine di Munari in cui il mettere e togliere è continuo; un continuo gioco perenne in cui si apprende a giocare.

Programma del corso:

Il progetto formativo, destinato a docenti della scuola dell’infanzia e primaria ha la finalità di trovare alfabeti, idee forti e da ripensare all’interno della filiera dei patti del libro (anche a scuola e non solo in biblioteca e nelle librerie indipendenti), risultante della ricerca dentro ognuno di noi della propria interiorità dandone la forma che si trova in fondo a noi stessi e facendo emergere i propri pensieri, relazioni sociali, ecc.

  1. Webinar teorici sui diversi alfabeti e quindi diversi autori/artisti

     – Webinar 1: Bruno Munari

     – Webinar 2: Leo Lionni

     – Webinar 3: Hervé Tullet

  1. Laboratori pratici con produzione di lavori singoli, simulazioni del vivere un piacere quando si realizzano immagini che rispecchiano idee visive.  I laboratori sul tema dello stupore in cui lo “scarabocchio” non viene lasciato ma successivamente messo in forma (v. The book with the hole, Hervé Tullet)

    – Laboratorio 1: dedicato a Munari

    – Laboratorio 2: dedicato a Leo Lionni

    – Laboratorio 3: dedicato a Hervé Tullet

Destinatari: Docenti scuola infanzia, Docenti scuola primaria, Personale Educativo
Competenze attese in uscita: Apprendimento dell’educazione all’arte giocando. L’apprendere del giocare è in realtà una modalità già consolidata negli anni ’70 con Munari e Lionni e poi proposta nei giorni nostri dall’artista Hervé Tullet.
Materiali e metodologie utilizzati: computer e piattaforma Gsuite
Docente: Francesca Pongetti
Sede e periodo  di svolgimento: Il corso prevede l’utilizzo della didattica a distanza e avrà la durata di 20 ore.
Tipologia di verifica finale: Test a risposta multipla

ISCRIZIONI APERTE

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

LA MANO: ORGANO DELLA MENTE

Il progetto formativo, destinato a docenti di scuola dell’Infanzia e Primaria, è finalizzato alla conoscenza e  implementazione di attività laboratoriali nelle quali l’operatività e la coordinazione oculo-manuale favoriscono la conoscenza di sé, degli altri e dell’ambiente che ci circonda utilizzando anche il Metodo e i materiali Montessoriani.

Ambiti:
Ambiti trasversali: Metodologie e attività laboratoriali, Gli apprendimenti
Ambiti specifici: Inclusione scolastica e sociale

L’obiettivo del corso è quello di implementare le competenze nella didattica laboratoriale. Ampliare le conoscenze relativamente strategie che possano guidare ciascun bambino in un percorso di apprendimento chiaro e progressivamente approfondito secondo tempi e capacità di ciascuno.

Programma del corso:

  1. Coordinazione neuro-motoria
  2. Importanza della neuromotricità
  3. Grafo-motricità
  4. Sviluppo cognitivo
  5. Buone pratiche in laboratorio
  6. Interazione alunno-ambiente

Destinatari: insegnanti di scuola primaria e secondaria, genitori, educatori
Competenze attese in uscita: Le competenze attese in uscita attengono la consapevolezza che le attività laboratoriali possono consentire una co-costruzione sociale della conoscenza portando, nel contempo, il bambino a sviluppare l’autoregolazione emotiva e negli apprendimenti.
Materiali e metodologie utilizzati: computer e piattaforma Gsuite

Docente: Dott.ssa Raffaela Maggi, Pedagogista Clinica, Docente presso l’Università Politecnica delle Marche-Cattedra di Pedagogia e Didattica Speciale, Docente presso l’Università di Macerata
Sede e periodo  di svolgimento:
Il corso si svolgerà nei mesi di ottobre/novembre 2021 in modalità a distanza con n. 10 incontri di n. 2 ore ciascuno.
Il corso prevede l’utilizzo della didattica a distanza, video, studi di caso, webquest
Tipologia di verifica finale: questionario

ISCRIZIONI APERTE

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

CORSO DI ALFABETIZZAZIONE A.B.A. (I Livello)

Il corso alfabetizzazione in analisi applicata del comportamento (ABA) prevede 5 incontri a cadenza settimanale della durata di 4 ore per complessive 20 ore. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza con i contenuti. In ogni incontro verranno esposti principi e procedure di base dell’ABA, con particolare attenzione all’applicazione al disturbo dello spettro autistico.

Ambiti:
Ambiti trasversali: didattica per competenze e competenze trasversali
Ambiti specifici: bisogni individuali e sociali dello studente; inclusione scolastica e sociale

L’obiettivo del corso è l’acquisizione di competenze di base in Analisi del Comportamento Applicata.
L’ABA è una metodologia di applicazione e di ricerca, che implica una progettazione sperimentale specifica ed individualizzata dell’intervento. Per sperimentale intendiamo sottolineare la base scientifica del lavoro, in cui i progressi e l’andamento generale del bambino in tutte le competenze, viene documentato da dati e grafici che possono essere consultati in qualsiasi momento.
L’ABA prevede l’insegnamento sistematico di piccole unità misurabili di comportamento. I compiti da apprendere, individuati sulla base del profilo di sviluppo, delle scelte e delle preferenze individuali, vengono suddivisi in piccoli step, ognuno dei quali viene insegnato in sessioni d’insegnamento ravvicinate, in rapporto 1:1 con l’insegnante.

Programma del corso:

  1. Incontro
    Principi di base e primi passi nell’intervento

    • Definizione di comportamento
    • Condizionamento classico ed operante
    • Principi teorici: rinforzo, punizione estinzione
  2. Incontro
    Sviluppare nuovi comportamenti

    • Shaping
    • Fading
    • Prompting
    • Chaining
    • Modeling
  3. Incontro
    Il verbal behavior

    • Operanti verbali: mand, tact, intraverbale ed ecoico (curriculum base-1 livello)
    • Comunicazione aumentativa alternativa
  4. Incontro
    Come e cosa insegnare curriculum base – 1 livello

    • Dtt
    • Net
  5. Incontro
    Gestione dei comportamenti problema

    • Misurazione di un comportamento
    • Valutazione di un comportamento
    • Strategie antecedenti e conseguenti

Destinatari: insegnanti di scuola primaria e secondaria, genitori, psicologi, logopedisti tnpe, educatori, personale ATA
Materiali e tecnologie: slide del corso, simulate, esercitazioni, visione di video
Docente: Dott.ssa Monaco Immacolata Psicologa- BCBA (analista del comportamento certificato), esperta nei disturbi dello spettro autistico in età evolutiva ed adolescenza
Sede e periodo di svolgimento:
Biblioteca Speciale – Fondazione A.R.C.A. Onlus Senigallia (AN) Via Maierini, 34
Le 20 ore saranno spalmate nei mesi di Ottobre e Novembre e nei mesi di Gennaio e Febbraio.
Tipologia di verifica finale: test a risposte multiple

ISCRIZIONI APERTE

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

CORSO ADVANCED A.B.A. (II Livello)

Il corso alfabetizzazione in analisi applicata del comportamento (ABA) prevede 5 incontri a cadenza settimanale della durata di 4 ore per complessive 20 ore. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza con i contenuti. In ogni incontro verranno esposti principi e procedure di base dell’ABA, con particolare attenzione all’applicazione al disturbo dello spettro autistico.
Ambiti:
Ambiti trasversali: didattica per competenze e competenze trasversali
Ambiti specifici: bisogni individuali e sociali dello studente; inclusione scolastica e socialeL’obiettivo del corso è l’acquisizione di competenze di base in Analisi del Comportamento Applicata.
L’ABA è una metodologia di applicazione e di ricerca, che implica una progettazione sperimentale specifica ed individualizzata dell’intervento. Per sperimentale intendiamo sottolineare la base scientifica del lavoro, in cui i progressi e l’andamento generale del bambino in tutte le competenze, viene documentato da dati e grafici che possono essere consultati in qualsiasi momento.
L’ABA prevede l’insegnamento sistematico di piccole unità misurabili di comportamento. I compiti da apprendere, individuati sulla base del profilo di sviluppo, delle scelte e delle preferenze individuali, vengono suddivisi in piccoli step, ognuno dei quali viene insegnato in sessioni d’insegnamento ravvicinate, in rapporto 1:1 con l’insegnante.

Argomenti del corso:

  1. Incontro
    Principi di base e primi passi nell’intervento

    • Definizione di comportamento
    • Condizionamento classico ed operante
    • Principi teorici: rinforzo, punizione estinzione
  2. Incontro
    Sviluppare nuovi comportamenti

    • Shaping
    • Fading
    • Prompting
    • Chaining
    • Modeling
  3. Incontro
    Il verbal behavior

    • Operanti verbali: mand, tact, intraverbale ed ecoico (curriculum base-1 livello)
    • Comunicazione aumentativa alternativa
  4. Incontro
    Come e cosa insegnare curriculum base – 1 livello

    • Dtt
    • Net
  5. Incontro
    Dalla valutazione secondo il Vb-mapp al PeI
  6. Incontro
    Gestione dei comportamenti problema

    1. Misurazione di un comportamento
    2. Valutazione di un comportamento
    3. Strategie antecedenti e conseguenti

     

Destinatari: insegnanti di scuola primaria e secondaria, genitori, psicologi, logopedisti tnpe, educatori, personale ATA
Materiali e tecnologie: slide del corso, simulate, esercitazioni, visione di video
Docente: Dott.ssa Monaco Immacolata Psicologa- BCBA (analista del comportamento certificato), esperta nei disturbi dello spettro autistico in età evolutiva ed adolescenza
Sede e periodo di svolgimento:
Biblioteca Speciale – Fondazione A.R.C.A. Onlus Senigallia (AN) Via Maierini, 34
Le 20 ore saranno spalmate nei mesi di Ottobre e Novembre e nei mesi di Gennaio e Febbraio.
Tipologia di verifica Finale: test a risposte multiple

ISCRIZIONI APERTE

È possibile iscriversi al corso tramite la piattaforma SOFIA. 

Giornata mondiale della consapevolezza dell’Autismo – 2 aprile 2021

Con il patrocinio oneroso del Consiglio Regionale
Con il patrocinio non oneroso di Comune di Senigallia, Terre della Marca Senone, ATS 8, AIB, CNA, Design for All Italia
Con la collaborazione di BCC, Paladini, SapereUbik, Zona Immagine
Si ringraziano: Liber, Raffaello Editore

PROGRAMMA
2 Aprile
Giornata mondiale dell’Autismo

19.00 M’illumino di blu: Accensione del monumento con luce blu a Senigallia e in contemporanea in
altri Comuni marchigiani che hanno aderito all’iniziativa, raccontandoci il loro monumento che intendono illuminare sia in modalità alfabetica sia in sistema di comunicazione Bliss (free commons copy).

In fondo alla pagina sono riportati i Comuni aderenti e i monumenti illuminati.

30 Aprile
OPEN DAY:
Cinzia Battistel: “Lo spazio e la sua disciplina”. Vicini Diversi – Obiettivi Comuni.

9.30 – 12.45  In collegamento streaming dalla Biblioteca Speciale (per chi vorrà con la possibilità di seguirla in presenza, se le condizioni sanitarie lo permetteranno).
Alla giornata interverranno specialisti dell’ambito educativo, socio-sanitario e giuridico anche in un’ottica di sensibilizzazione della persona con disabilità e le sue necessità oltre al supporto psicologico alle famiglie.

Programma analitico

  • 9.15 – 9.30 Accettazione e collegamento streaming
    Introduce e modera Francesca Pongetti, presidente Fondazione A.R.C.A.
  • 9.30 – 10.00 Leggere in tutti i modi nella biblioteca scolastica innovativa, Donatella Lombello Soffiato, Studiosa senior dello Studium Patavinum, Professoressa associata di Letteratura per l’infanzia e di Pedagogia sulla biblioteca scolastica e per ragazzi all’Università di Padova, Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia applicata – FISPPA, Presidente sezione PD – AS.PE.I. – Associazione Pedagogica Italiana
  • 10.00 – 10.30 La diagnosi di autismo, avvio dell’esperienza scolastica, buone prassi, PEI e decreto interministeriale 182/2020, Gianfranco Vitale, Ex professore di scuola secondaria di secondo grado, genitore di un uomo autistico e amministratore della pagina facebook “Autismo: Persone, bisogni, diritti”
  • 10.30 – 11.00 Scoprire o coprire la vita, Paolo Monina, Art Director dell’Atelier delle Arti: Elogio alla disarmonia
  • 11.00 – 11.15 Coffee Break
  • 11.15 – 11.45 Autismo e Scuola: strategie educative e didattiche per l’inclusione. L’importanza delle 3 C: Collaborazione, Comunicazione e Cooperazione tra scuola, famiglia e i vari enti territoriali, Maddalena Palumbo, Psicologa, Certificata RBT, esperta nei disturbi dello spettro autistico in età evolutiva e dell’adolescenza, Volontaria della Fondazione A.R.C.A. – Onlus
  • 11.45 – 12.15 Il nuovo PEI sotto il profilo giuridico-formativo, Federica Ferro, Curatore speciale del minore, Amministratore di sostegno, da sempre impegnata nelle questioni attinenti i soggetti fragili, Avvocato esperto in diritto di famiglia e minori, Volontaria della Fondazione A.R.C.A. – Onlus
  • 12.15 – 12.30 Design for All: un processo inclusivo, Francesco Rodighiero, Design for All Italia
  • 12.30 – 12.45 Presentazione dei lavori realizzati dalle scuole con i laboratori per l’iniziativa Cinzia Battistel: “Lo spazio e la sua disciplina”. Vicini Diversi – Obiettivi Comuni, attraverso la proposta delle tecniche artistiche del Collage e della Copy Art, grazie alle opere dell’artista Cinzia Battistel. Donazione da parte della Fondazione agli Istituti Comprensivi partecipanti di albi illustrati divulgativi secondo l’approccio ST[R]EAM e un prototipo di gaming “per tutti” in modalità “print&play”: Impariamo la raccolta differenziata realizzato dallo Staff della Fondazione A.R.C.A.
    .

Comuni aderenti all’iniziativa
Dove e cosa vedere in Blu

Senigallia: Porta Lambertina
Corinaldo: Loggiato Comunale
Fano: Arco d’Augusto
Fratte Rosa: Chiesa di San Giorgio
Falerone: Chiesa di Cristo Re
Fermo: Monumento al Patrono San Savino
Mondolfo: Castello di Mondolfo
Ostra: Torre Civica
Porto San Giorgio: Fontana della Democrazia
San Benedetto del Tronto: Monumento al Pescatore
Serra De’ Conti: Torre Civica
Trecastelli: Villino Romualdo

Scarica la brochure e la locandina.

* Il programma potrebbe subire variazioni in base alla disponibilità del relatore.
Per partecipare online o in presenza è possibile inviare una mail a bibliotecaspeciale@fondazionearca.org o chiamando lo 0717931107

Che cos’è la disabilità intellettiva

Con il termine Disabilità Intellettiva, si definisce una disabilità nel funzionamento attuale della persona determinata dall’esito di una o più condizioni di alterazione dello sviluppo cognitivo e adattivo che coinvolgono la persona nella sua globalità – strutture e funzioni corporee, attività e partecipazione – e determinano una condizione umana complessa, che richiede particolare attenzione e impegno per quanto concerne sia gli aspetti diagnostico-riabilitativi sia quelli sociali, ambientali e personali.

“La disabilità intellettiva [ritardo mentale] è caratterizzata da limitazioni significative sia nel funzionamento intellettivo sia nel comportamento adattivo, che si manifestano nelle abilità adattive, concettuali, sociali e pratiche. Tale disabilità insorge prima dei 18 anni”

(Schalock et al., 2007)

DIAGNOSI
IL DSM5 INDIVIDUA TRE CRITERI NECESSARI PER EFFETTUARE UNA DIAGNOSI DI DISABILITÀ INTELLETTIVA:

  • Criterio A: Deficit delle funzioni intellettive, come ragionamento, problem solving, pianificazione, pensiero astratto, capacità di giudizio, apprendimento scolastico e apprendimento dall’esperienza, confermati sia da una valutazione clinica sia da test di intelligenza individualizzati, standardizzati;
  • Criterio B: Deficit del funzionamento adattivo che porta al mancato raggiungimento degli standard di sviluppo e socioculturali di autonomia e di responsabilità sociale. Senza un supporto costante, i deficit adattivi limitano il funzionamento in una o più attività della vita quotidiana, come la comunicazione, la partecipazione sociale e la vita autonoma, attraverso molteplici ambienti quali casa, scuola, ambiente lavorativo e comunità;
  • Criterio C: Esordio dei deficit intellettivi e adattivi durante il periodo di sviluppo.

FUNZIONAMENTO ADATTIVO
I soggetti con Disabilità intellettiva giungono all’osservazione più per le compromissioni del funzionamento adattivo che per un basso funzionamento intellettivo. Un problema adattativo è una limitazione della possibilità di adattamento all’ambiente cioè una difficoltà a rispondere alle esigenze che l’ambiente normalmente impone in rapporto all’età. Il funzionamento adattivo fa riferimento all’efficacia con cui i soggetti fanno fronte alle esigenze comuni della vita e al grado di adeguamento agli standard di autonomia personale previsti per la loro fascia di età, retroterra socioculturale e contesto ambientale. I problemi di adattamento sono più suscettibili di miglioramento con tentativi di riabilitazione di quanto non sia il QI cognitivo, che tende a rimanere più stabile. I vari livelli di gravità sono definiti sulla base del funzionamento adattivo e non dei soli punteggi di QI. È il livello adattivo che determina il livello di assistenza richiesto. I valori di QI risultano meno validi all’estremo inferiore della distribuzione del QI.

Caratteristiche Diagnostiche

  • Le caratteristiche essenziali della DI sono i deficit delle capacità mentali generali e un funzionamento adattivo quotidiano compromesso rispetto a quello di individui della stessa età e livello socioculturale.
  • Diagnosi basata su valutazione clinica e test standardizzati per le funzioni intellettive e adattive.

Esistono diversi livelli della disabilità intellettiva:

  1. Disabilità intellettiva lieve (85%)

Caratteristiche:

  • sviluppano abilità sociali;
  • minimi problemi sensomotori;
  • difficoltà apprendimenti scolastici anche fino alla V elementare;
  • diagnosticato tardi;
  • con una supervisione vita personale e sociale autonoma;
  • presentano spesso alterazioni emotive (50%): esibizione/collera-organizzazione rigida, trascinato da altri adolescenti;
  • inibizione/passività – sottomissione all’adulto.
  1. Disabilità intellettiva moderata (10%)

Caratteristiche:

  • presentano acquisite le abilità comunicative durante l’infanzia;
  • hanno ritardo psicomotorio;
  • cura personale con supervisione;
  • competenze scolastiche limitate (II elem.);
  • da adulti di frequente hanno difficoltà nel rispettare le norme sociali;
  • lavoro guidato.
  1. Disabilità intellettiva grave (3/4%)

Caratteristiche:

  • Non acquisiscono competenze comunicative fino alle classi elementari;
  • A scuola possono acquisire conoscenze minime (riconoscere l’alfabeto, contare…);
  • Contesti protetti e supervisionati;
  • Problemi relazionali: isolamento e stereotipie.
  1. Disabilità intellettiva profonda (1%)

Caratteristiche:

  • Spesso dipende da una condizione neurologica;
  • Difficoltà sensomotoria;
  • Incapacità comunicativa;
  • Piccoli compiti in contesti altamente supervisionati;
  • Alterazioni relazionali massicce: isolamento, stereotipie e nei casi più gravi automutiliazioni.

MANIFESTAZIONI E DISTURBI ASSOCIATI

Caratteristiche:

  • Quasi costantemente presente: un’alterazione del linguaggio: dove sono maggiori le difficoltà comunicative è più probabile che vengano attuate delle condotte impulsive o addirittura aggressive un’alterazione dello sviluppo motorio e delle prassie.

EZIOLOGIA

  • Le cause della disabilità intellettiva sono molteplici;
  • La disabilità intellettiva è il risultato finale comune di diversi processi patologici che coinvolgono il sistema nervoso centrale;
  • I processi non sono sempre facilmente identificabili con le attuali metodologie diagnostiche;
  • 30/40% dei casi di DI non ha una precisa eziologia;
  • Anomalie genetiche 25-50%;
  • Aberrazioni cromosomiche ca. 15%;
  • Riarrangiamenti subtelomerici 5-7%;
  • Aberrazioni cromosomiche submicroscopiche 5-20%;
  • Disordini monogenici;
  • Alterazioni prenatali-perinatali 15-25%;
  • Malformazioni SNC 15-20%;
  • Patologie metaboliche 1-5%.

CAUSE PRENATALI

Fattori di rischio

  • L’esposizione riconosciuta adagenti che alterino lo sviluppo embrionale;
  • L’incremento dell’età in cui avviene il concepimento;
  • La presenza di familiarità.

Fattori acquisiti

  • Esposizione ai raggi X durante la gravidanza specie nel primo trimestre;
  • infezioni virali della madre (rosolia, citomegalovirus, toxoplasmosi, varicella);
  • carenze alimentari gravi (microcefalia);
  • uso di farmaci in gravidanza;
  • abuso di alcool (sindrome fetalcolica) o di droghe;
  • emorragie cerebrali del feto per traumi, anossia o emorragie materne.

Valutazione

  • Diverse scale misurano il funzionamento (es. le Scale Vineland e la Scala dell’Associazione Americana per il Disabilità intellettiva);
  • Queste scale generalmente forniscono un punteggio clinico limite che tiene conto delle prestazioni in diversi ambiti di capacità adattive;
  • La scelta degli strumenti di valutazione e l’interpretazione dei risultati dovrebbe tener conto di fattori che possono limitare la prestazione (per es., il retroterra socioculturale del soggetto, la lingua madre, e gli handicap di comunicazione, motori, e sensoriali associati).

Corso per Tecnici del Comportamento Certificati Registered Behavior Technician™

L’RBT o Tecnico del Comportamento Certificato è un tecnico specializzato, responsabile diretto dell’attuazione delle procedure di acquisizione delle competenze e modificazione del comportamento, progettate dal supervisore BCBA  o BCaBA da attivarsi in tutti i servizi dedicati all’autismo, ai disturbi dello spettro autistico e patologie simili.

Obiettivi:
Il Corso si propone di far acquisire competenze pratiche nel settore dell’Analisi del Comportamento formando Tecnici del Comportamento qualificati in grado di applicare, con metodologie corrette, training pratico per l’acquisizione delle principali procedure educative/riabilitative; interventi basati sull’Analisi Comportamentale Applicata (ABA) attraverso la supervisione di un BCBA, nell’ambito di tutti i servizi dedicati all’autismo, ai disturbi dello spettro autistico e patologie simili.

Il corso sarà tenuto da IRFID – ISTITUTO PER LA RICERCA, LA FORMAZIONE E L’INFORMAZIONE SULLE DISABILITÀ.
Il corso ha la certificazione Behavior Analyst Certification Board Inc.®, riconosciuta a livello internazionale dall’organizzazione americana BACB®. L’IRFID di Napoli è stato uno dei primi istituti ad ottenere questa certificazione, che viene richiesta anche in Italia tra i requisiti per i bandi pubblici.
Questo Istituto lavora in stretto contatto con l’ISS – Istituto Superiore di Sanità.

Attualmente le Scuole di Alta Formazione e Università che forniscono un’adeguata conoscenza sulla presa in carico delle persone con spettro in Italia, e che sono sedi di Master A.B.A., sono le seguenti: IESCUM, Amico-DI, Università Pontificia Salesiana, Istituto Walden, IRFID, Consorzio Universitario Humanitas, Università di Parma e di Enna Kore. Secondo i dettami dell’Istituto Sanitario di Sanità, le certificazioni ad oggi rilevanti dai suddetti Istituti ed Enti di ricerca hanno validatezza ulteriore per accedere nell’organico ordinario e di fatto nelle distinte graduatorie del sostegno, nonché poter lavorare con le cooperative.

La frequenza al Corso da parte degli iscritti è obbligatoria

Il programma formativo comprende tutti gli argomenti indicati dalla RBT™ Task List (2nd ed.):
1) Misurazione del comportamento
2) Valutazione (Assessment)
3) Procedure per l’acquisizione delle abilità funzionali
4) Procedure per la riduzione dei comportamenti problema
5) Documentazione e resoconti
6) Condotta professionale ed etica

(This training program is based on the Registered Behavior Technician Task List
(2nd ed.) and is designed to meet the 40-hour training requirement for the RBT certification. The program is offered independent of the BACB®).

Il corso è rivolto a Genitori, Operatori, Insegnanti, Caregiver, Psicologi, Logopedisti ed Educatori.
Requisiti minimi per l’accesso: 18 anni di età e diploma di scuola superiore.

Durata del corso:
40 ore di training teorico-pratico e attestato finale di partecipazione

Docenti:
IRFID – ISTITUTO PER LA RICERCA, LA FORMAZIONE E L’INFORMAZIONE SULLE DISABILITÀ

Calendario:
Da definire

ISCRIZIONI APERTE
ISCRIZIONE CON IL CONTRIBUTO

Per iscriversi al corso è necessario compilare il form al seguente link: Corso R.B.T.

Sede dei corsi:
Il corso si terrà in modalità e-learning sulla piattaforma predisposta da IRFID.

Per maggiori informazioni e costi: formazione@fondazionearca.org

CORSO ADVANCED A.B.A. (II Livello)

Il corso avanzato prevede 4 incontri a cadenza settimanale, della durata di 3 ore ciascuno, per complessive 12 ore. Al termine sarà rilasciato un attestato di frequenza con i contenuti. In ogni incontro si svolgeranno delle simulazioni pratiche a partire dai principi teorici discussi nel corso di primo livello. Ciascun partecipante si cimenterà nell’esecuzione delle procedure basilari dell’approccio comportamentale.

Saranno proiettati dei video esplicativi al fine di rendere più chiaro possibile l’intervento.

Argomenti del corso:

Principi di base e primi passi nell’intervento

  1. Definizione di comportamento
  2. Condizionamento classico ed operante
  3. Principi teorici: rinforzo, punizione estinzione

Sviluppare nuovi comportamenti

  1. Shaping
  2. Fading
  3. Prompting
  4. Chaining
  5. modeling

Il verbal behavior

  1. Operanti verbali: mand, tact, intraverbale ed ecoico
  2. Comunicazione Aumentativa Alternativa

Come e cosa insegnare

  1. Dtt
  2. Net

Gestione dei comportamenti problema

  1. Misurazione di un comportamento
  2. Strategie antecedenti e conseguenti

Docente:
Dott.ssa Immacolata Monaco
Psicologa, Analista del Comportamento BCBA,  esperta nei disturbi dello spettro autistico in età evolutiva ed adolescenza

Calendario:
Da Febbraio 2021

ISCRIZIONI APERTE
ISCRIZIONE CON IL CONTRIBUTO

Per iscriversi ai corsi, compilare il seguente form: Corso A.B.A. II Livello

Sede dei corsi: Il corso si terrà in modalità e-learning sulla piattaforma moodle della Fondazione

Per maggiori informazioni e costi: inviare una mail a formazione@fondazionearca.org

GAMELAB #giochieducatividigitalienonsolo

Laboratori per bambini, ragazzi adolescenti e giovani adulti
Per partecipare è necessaria la prenotazione, inviando una mail a bibliotecaspeciale@fondazionearca.org o chiamando lo 071.7931107.

Il laboratorio si terrà con un minimo di 5 iscritti.

L’iscrizione è obbligatoria e la Biblioteca Speciale fornisce la possibilità di seguirli online.

GAMELAB
#giochieducatividigitalienonsolo

Venerdì 22 gennaio:
Per il Ciclo “I luoghi del cuore”:
Un tuffo in piscina
Età: 6-10 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 29 gennaio:
Per il Ciclo “La salute vien mangiando”:
Chi mangia sano andrà lontano
Età: 3-6 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 5 febbraio:
Per il Ciclo “Un treno carico di diritti”:
Le donne che hanno cambiato il mondo
Età: 11-13 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 12 febbraio: Carnevale
La sfilata di Carnevale
Età: 3-5 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 19 febbraio:
Per il Ciclo “I luoghi del cuore”:
In città è arrivato il circo
Età: 11-13 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 26 febbraio:
Per il Ciclo “La salute vien mangiando”:
Alimentazione: impariamo a mangiare sano
Età: 16-18 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 5 marzo:
Per il Ciclo “Un treno carico di diritti”:
Maschio o femmina? Decido io
Età: 5-10 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 12 marzo:
Per il Ciclo “I luoghi del cuore”:
Una gita in montagna
Età: 3-5 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 19 marzo:
Per il Ciclo “La salute vien mangiando”:
Cosa mangio? Impariamo a classificare gli alimenti
Età: 11-13 anni
Orario: 17:00-18:00

Venerdì 26 marzo:
Per il Ciclo “Un treno carico di diritti”:
Oggi guido io: le cose da sapere per muoversi in sicurezza
Età: 5-11 anni
Orario: 17:00-18:00

Martedì 30 marzo: Pasqua
Caccia all’uovo!: decoriamo le uova di Pasqua
Età: 6-10 anni
Orario: 17:00-18:00

Bando Nazionale del Centro per il libro e la lettura:”Leggimi 0-6″

Lettori si nasce

Anni 2020 – 2021

Progetto di Mus-e Italia Onlus, con il contributo del CEPELL e del Mibact – Bando Leggimi 0-6
Progetto realizzato con il finanziamento del Centro per il libro e la lettura
Con la partecipazione degli Istituti Comprensivi di prossimità

ANNO 2020
Nel 2020 la Fondazione ha dato avvio ai lavori per dar vita ai primi due libri in editoria accessibile quali inbook: Il frutto del Paradiso e La guerra di Nina della Zefiro Edizioni di Fermo, che già facevano parte del patrimonio trasversale della Biblioteca Speciale, inseriti all’interno della sezione «Leggere Tutti».
Il primo titolo è stato tradotto ad opera della Fondazione nel corso del 2017; mentre il secondo è stato tradotto nel 2020.

Perché si è attivato il percorso di editoria accessibile? E che cos’è l’editoria accessibile?

L’inbook è un libro per tutti (IN-fanzia, IN-clusione, IN-sieme, ecc.) che permette anche alle persone con bisogni speciali, oltre agli stranieri, ai migranti, a coloro che non hanno accesso alla lettura “classica”, di poter accedere alla lettura. Inizialmente questo modello è nato all’interno dell’ambiente sanitario per poi passare a quello scolastico e bibliotecario in parallelo. Le famiglie, quindi, in biblioteca hanno potuto scoprire questo “particolare” libro prendendolo a prestito ed anche seguendo la lettura in modalità modeling a fianco della lettura del progetto nazionale NpL.
Il progetto mira alla formazione e al consolidamento delle comunità educanti, attraverso una rete che coinvolga tutti i soggetti coinvolti nella crescita e nell’educazione dei minori (scuola, famiglia, Terzo settore, privato sociale, istituzioni, ecc.), coinvolgendo soprattutto quelle che si trovano ai margini.

ANNO 2021
All’inizio del 2021 gli inbook Il frutto del Paradiso e La guerra di Nina saranno oggetto di percorsi di promozione della lettura 0-6, destinati alla scuola dell’infanzia e al primo anno della primaria al fine di innalzare il piacere della lettura non solo in testo alfabetico, ma anche in simboli.
I laboratori di promozione alla lettura dell’inbook saranno organizzati anche presso la Biblioteca Speciale che ha per le Marche il numero più elevato di tale tipologia di testo diversificati per complessità e su argomenti che spaziano dalle routine, alle prime scoperte, all’accettazione dell’altro e a momenti forti della vita.
La realizzazione dei laboratori sarà sia in presenza sia online, tenuto conto delle disposizioni dei decisori politici.

Progetto seguito da: 
Marina Ballanti, Bibliotecaria
Francesca Pongetti, Bibliotecaria, Diplomata alla Scuola di CAA, Benedetta D’Intino di Milano, Referente AIB – CNBP, Consulente per i servizi dedicati alle disabilità intellettive e relazionali
Sabrina Tobia, Volontaria della Fondazione A.R.C.A. – Onlus

*I laboratori con gli Istituti Comprensivi si terranno in modalità online se le condizioni sanitarie non dovessero permettere lo svolgersi in presenza.

Scarica le brochure:
Programma sintetico
Programma analitico

Skip to content