Blog

Alunni con disabilità, aumento esponenziale

Il ministero assegna altri 315 prof di sostegno
REGGIO EMILIA. Sono in costante aumento gli alunni con disabilità. Per tutti questi studenti sono arrivati i posti in deroga di sostegno per colmare i problemi della disabilità. Alle scuole del nostro territorio sono stati assegnati 315 posti di sostegno in deroga oltre a quelli già destinati per un totale di 1.177. Siamo al terzo posto dopo Bologna con 431 docenti di sostegno (totale 1.743) e Modena con un aumento di 371 insegnanti di sostegno (totale 1.375). Ad autorizzare il funzionamento in deroga, il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia Romagna, Stefano Versari. Gli spezzoni orari che compongono i posti sono stati puntualmente assegnati agli alunni valutando la gravità della diagnosi clinica e il contesto scolastico in cui l’alunno è inserito. La valutazione delle esigenze presentate dai dirigenti scolastici è stata effettuata da una commissione tecnica, appositamente costituita, composta da due dirigenti tecnici, un dirigente scolastico, due medici della sanità regionale e due funzionari dell’Usr-ER. Negli ultimi 6 anni, a fronte di un incremento degli alunni con disabilità del 26,6% i posti di sostegno sono aumentati del 29,5%. Si registra un incremento dei casi gravi. Vediamo la situazione a Reggio, bastano questo deroghe? Il punto della situazione lo fa Mariarita Bortolani Cisl scuola di Reggio: «Certo è un risultato importante per assicurare e garantire il diritto di istruzione a tanti alunni che necessitano di attenzioni particolari e per consentire ai docenti di sostegno di svolgere appieno il proprio, fondamentale, ruolo. Infatti, anche se poco noto, l’insegnante di sostegno è assegnato alla classe, contitolare di quello di posto comune, che si occupa dell’alunno con disabilità, con interventi individualizzati ed è una figura di mediazione per tutti gli studenti, che incoraggia gli apprendimenti, favorisce le dinamiche relazionali, i processi di inclusione, collabora alla programmazione educativa e didattica della classe
dell’allievo in situazione di disabilità. L’attività del docente di sostegno si svolge all’interno della classe per realizzare l’inclusione ed essere di supporto al disagio dei bisogni educativi speciali, come i docenti curricolari. «Il docente di sostegno – conclude – partecipa al progetto educativo di tutti gli alunni, anche di chi ha bisogno di maggiore attenzione, di maggiori risorse».

Maria Giuseppina Bo

IlResto delCarlino del 25-10-2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Skip to content