Laura Facchini – pittrice

LauraFacchiniSenigalliaLaura Facchini è nata nel 1976 ed è originaria di Senigallia.
Ha iniziato a dipingere all’età di 11 anni.

La sua formazione artistica si è sviluppata come autodidatta (negli anni di studio al liceo classico), e successivamente seguendo diversi corsi privati di pittura, grafica, aerografia, fotografia, ritocco fotografico, decorazione murale e realizzazione di calchi in gesso.

Ha poi frequentato l’Accademia di Belle Arti a Bologna e suoi insegnanti sono stati l’acquerellista Mario Venturelli, l’artista Franco Marrocco e il critico Walter Guadagnini. La sua Tesi di Laurea ha come titolo “La figurazione negata” ed analizza la transavanguardia italiana e gli artisti che ne sono stati protagonisti.

Negli anni le sue opere sono state pubblicate in diverse riviste, enciclopedie ed annuari d’arte. Ha vinto alcuni concorsi a livello nazionale ed internazionale, ma il più significativo per il suo percorso artistico è stato nel 1999 quando è risultata 1ª classificata al concorso nazionale di pittura curato dall’Associazione Culturale “La Cuba d’Oro” ed ha avuto la sua prima mostra personale presso la galleria d’arte di proprietà della stessa associazione, a Roma.

Dal 2000 al 2001 ha collaborato come illustratrice e grafica per l’enciclopedia scientifica “Liste Rosse e Blu” della flora italiana per il “Forum Plinianum”, su incarico dell’Agenzia Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, a Roma.

Espone da circa 20 anni e le sue opere sono state presenti in diverse città e paesi italiani, tra cui Roma, Milano, Bologna, Reggio Emilia, Torino, Forlì, Pavia, Lecce, Salsomaggiore Terme, Portovenere, Pesaro, Urbino, Senigallia, Recanati, Novilara (è stata molto importante la partecipazione ad una mostra di opere di grafica incisoria curata dall’ “Accademia Internazionale dell’Incisione Artistica” nella persona del Professor Walter Baiocchi)… Negli ultimi dieci anni ha anche partecipato a diverse collettive a livello internazionale a New York, Londra, Bruxelles, Monaco, Cannes…

“La ricerca di Laura Facchini parte dall’espressionismo americano del dopoguerra, che sostiene che il senso tragico dell’esistenza si possa svelare attraverso forme semplici, non narrative, e che le emozioni di fronte al mistero della vita possano essere espresse attraverso l’assolutezza del colore. Nei quadri di Laura i campi di colore configurano un’atmosfera, uno spazio che sembra corteggiare la realtà quotidiana. Le composizioni sono sempre sfumate nei contorni a ipotizzare una specie di concezione mistica della pittura, una finestra aperta su un mondo trascendente, un percorso attraverso lo spazio. L’artista, infatti, si propone di definire un concetto di spazio che va oltre l’aspetto fisico per spingersi fino alla dimensione individuale e spirituale attraverso le esperienze informali del ‘900. Il futuro di Laura Facchini è di abbagli e trasparenze, di evanescenze e chiarimenti, ricordo di uno spettacolo traslucido e trasognato condizionato dalla presenza, in tutte le sue forme, di una componente ottica e luministica. Una luce che trasuda attraverso il supporto pittorico, le cui immagini di aria liquefatta e aggrumata si materializzano per affioramenti di rilievi. Una luminescenza acquatica, specchio rovesciato di una visione solare e aerea, congelata in uno sventolio subacqueo di calde o fredde abissali trasparenze” – Ennio Giuliani.

L’artista è essenzialmente pittrice nello spirito, la pittura le appartiene come il suo modo di essere e tutto questo lo esprime nelle sue opere, con il variare di stili e colori, da un profondo nero a un rosso intenso fino ad arrivare ad un caldo oro.

“In realtà la delicatezza delle forme e dei colori, senza sfumature… sembrano rivivere come in uno specchio d’acqua dove tutto è liquido e fluido, impalpabile, ma autorevole. Riconducendo lo spettatore a pensare che nella vita di Laura Facchini aleggi un soffio vitale molto profondo, sostegno della sua Arte” – Pompea Vergaro.

La critica Anna Francesca Biondolillo dell’artista ha detto: “Ammirevole elaborato per la lirica interpretazione che abbraccia la complessità di problematiche esistenziali attraverso un savoir faire arte davvero singolare”.

Laura da più di vent’anni lavora come pittrice, designer ed illustratrice.

Mostre recenti:
  • “Fusione a freddo –le nuove tecniche dell’arte” – mostra itinerante a Recanati e Roma, da maggio ad agosto 2010
  • “Salento Silente – l’arte sosta in luoghi storici” – mostra itinerante presso i Castelli e Palazzi Ducali nella provincia di Lecce, da giugno a settembre 2011
  • “Rendez-Vouz” – mostra promossa dal Padiglione Italia presso la 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, presso i locali dell’Orto dell’Abbondanza a Urbino, novembre 2011
  • “La fabbrica del Rispetto” – le sue opere sono state utilizzate per una lezione pubblica della Dott.ssa Elena Irrera tenutasi presso l’Auditorium San Rocco a Senigallia, aprile 2012
  • “Visioni astratte. Nuove tendenze al femminile” – mostra collettiva presso la galleria di Milano M4A-MadeFourArt, aprile 2012
  • “It’s All About Energy” – mostra presso la Onishi Gallery a New York, maggio 2012
  • “Art in Mind” – mostra presso la Brick Lane Gallery a Londra, agosto 2012
  • “La fabbrica della Tolleranza” – esposizioni di opere ed installazioni, tutte realizzate insieme all’artista Giuseppe Polverari, a Pavia e Bologna (maggio 2013 e 2014) nell’ambito della collaborazione con l’Università e l’Assessorato alla Cultura di Pavia e con l’Università di Bologna nel progetto interdisciplinare pittorico e filosofico sugli ideali di rispetto e tolleranza, in seguito alla collaborazione avuta nel 2012 con la filosofa e scrittrice Elena Irrera in “Alimentare il rispetto” e in occasione del convegno internazionale “Respect and self-respect. Ancient, modern and contemporary perspectives”
  • Presso l’Aula Magna del liceo classico “Perticari” di Senigallia, l’artista ha partecipato alla presentazione dell’opera teatrale “Passi Affrettati”, tratta dal libro della scrittrice Dacia Maraini, alla presenza della stessa. L’opera è un ciclo di storie vere, realizzata tramite Amnesty International, raccolte dalla signora Maraini, per approfondire il tragico tema della violenza contro le donne. Laura ha presentato agli studenti alcune sue opere ed ha parlato della sua esperienza di artista e di donna in Italia ed all’estero. Maggio 2013
  • “Biennale Internazionale d’arte” – presso le Sale del Bramante a Roma, gennaio 2014
  • Mostra curata dall’Associazione Le Reflet de nos Différences a Monaco, in Francia, marzo 2014
  • Mostra curata dall’Associazione Culturale Giacomo Leopardi presso Palazzo Belvederi a Bologna, giugno 2015

Sito web: www.laurafacchini.eu