Corso: “La Famiglia e il ‘costruire’ risposte per i propri figli”.

Le famiglie che vivono situazioni di forte difficoltà, sempre più frequentemente si trovano “sbandate” e non in grado di dare risposte alle loro domande. Le questioni di area scolastica, sanitaria e sociale sono piuttosto complesse e non sempre l’ “uomo medio” riesce a comprendere la farraginosità del sistema delle Politiche Sociali (il Welfare).

Di quale Welfare parliamo?

Le richieste che ci sono state rivolte dalle famiglie, in cerca di soluzioni efficaci a problemi spesso condivisi, ci ha fatto riflettere: occorre aiutare le famiglie (educatori, operatori…) a crearsi una “VALIGETTA DEGLI ATTREZZI” cioè una base di contenuti da poter utilizzare per essere cittadini attivi, anche nei confronti dei decisori politici.

Sapreste dare risposta a queste domande, su diverse aree d’interesse?

  1. Qual è l’iter di presa in carico di vostro figlio, dopo l’assessment del medico?
  2. Cosa bisogna fare per l’ottenimento del bollo?
  3. Ci sono agevolazioni per l’uso dell’aereo? Quali e per chi?
  4. ISEE e disabilità nelle Marche: cosa contempla la legge?
  5. Quali sono gli aiuti economici indiretti che la famiglia può richiedere? Quando possono essere richiesti?
  6. Cosa comporta la dicitura “art. 3, comma 3” per la sanità?
  7. Cos’è il nomenclatore tariffario e chi lo determina? Quali strumenti ci sono all’interno e a chi sono rivolti?
  8. Qual è il ruolo del privato sociale? Cosa si può chiedere di sua stretta pertinenza (es. servizio SAD)?
  9. Può la dirigente scolastica dire alla famiglia di lasciare il bambino/ragazzo a casa perché quel giorno non c’è l’insegnante di sostegno?
  10. Come va redatto il P.E.I.? Che ruolo hanno i genitori all’interno di tale documento?
  11. Può il ragazzo avere la figura educativa anche nel trasporto scolastico (autobus)?
  12. Le ore di sostegno: quante ore di sostegno si possono richiedere e a chi? Quante ore di sostegno alla settimana? Su quale documento vengono riportate?
  13. “Massimo 20 alunni per classe se c’è un disabile.” È una legge o …?
  14. Ci sono sulla rete dei siti dove trovare format per presentare richieste di ambito scolastico e sanitario? Quali sono affidabili?
  15. Può un educatrice privata entrare in un nido, scuola dell’infanzia, ecc. per poter essere di supporto nei contenuti al corpo docente della scuola?
  16. Le tecnologie assistive si possono avere in gratuità o si deve procedere, per l’ottenimento, con una richiesta di I.V.A. agevolata?
  17. Cosa comporta ogni anno la compilazione del mod. ICRIC all’INPS?
  18. I servizi socio-sanitari sono legiferati, oltre che dalle norme nazionali, anche da quelle regionali quali L.R. n. 18/96 e la L.R. n. 32/2014 a cui seguono le D.G.R. l’ultima delle quali riguarda l’assestamento di bilancio 2015. Cosa sapete a riguardo?
  19. A chi spetta l’assegno di cura? A cosa dà diritto e come fare per ottenerlo?
  20. L.R. n. 25/2014 (Autismo) cosa non viene attuato, anche se la legge lo prevede?

Altri ancora sarebbero i quesiti che ci arrivano in varie modalità in Fondazione. Per questo abbiamo deciso di proporre un primo corso in cui è stata affrontata anche l’evoluzione storica della disabilità, per poter meglio comprendere le dinamiche storiche dell’evoluzione del Terzo Settore. Le lezioni sono state divise in due momenti: una prima parte frontale con l’uso di slides e una seconda parte di confronto tra i partecipanti.

Ora vorremmo proporre un secondo corso, che abbia un taglio più pratico: saranno utilizzate e rese disponibili le slides ma ci si orienterà molto di più sulla modalità “workshop”, con la simulazione di richieste reali.

Il corso inizierà a Marzo 2016, con una durata di 8/12 incontri di due ore ciascuno (saranno possibili aggiustamenti che tengano conto della tipologia dei partecipanti).

Il corso sarà attivato al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Organizzazione e Figure:

Fondazione A.R.C.A. – Biblioteca Speciale V. Maierini, n. 34 (dietro il Comune), Senigallia
bibliotecaspeciale@fondazionearca.org – tel. 071.7931107

Francesca Pongetti, Bibliotecaria, membro del Gruppo di Studio per i Servizi delle Utenze Speciali dell’Associazione Italiana Biblioteca (AIB – GUSPEC);
Elisa Severini, Avvocato.